Che cosa siamo
Un grumo di carne
bagnato da una luce
che non sempre benedice
Scaldato
da passioni
che col tempo si assopiscono
E resta solo il freddo
sterile della cenere
E tu hai un buco nella gola
E una vita spaccata
tra quel che c'era prima
e il dopo di quel buco
E ancora vuoi piacere
ad una donna
E poi succede
Lei ti guarda
e decide che le piaci
E ti accoglie
Col buco nella gola
e le tue cicatrici
e l'eruzione vulcanica
della tua voce
che in lei risuona dolce
di insospettate sfumature.