Buongiorno!

Tea Zanetti, Azul (Provincia de Buenos Aires), 2021

Persino il preside Zhang vantava con orgoglio un orologio acquistato negli Stati Uniti. Era l’unico di mia conoscenza a essere mai stato in America e, da quanto avevo sentito, gli era anche piaciuta. D’altro canto, il preside diceva sempre che era il governo americano a essere malvagio, non i cittadini. La mia confusione cresceva. E se un bravo cittadino va a lavorare per il governo, che cosa succede? ponderavo. Ma a nessuno importava che le cose per noi avessero un senso: in classe si doveva parlare male degli Stati Uniti, punto e basta.

Karoline Kan, Sotto cieli rossi

Buongiorno!

Tea Zanetti, Azul (Provincia de Buenos Aires), 2021

Come mai gli Americani erano tanto cattivi? Per il bombardamento? Non bastava, perché era dall’asilo che sentivo fare quei discorsi. Ci veniva ripetuto solo quello, per tutta la vita, ma nessuno si prendeva la briga di spiegarci le motivazioni. Forse pensavano che fossimo troppo piccoli per capire. Ma allora perché ci reputavano grandi abbastanza da odiare Paesi e popoli stranieri?

Karoline Kan, Sotto cieli rossi