poesia dell’amor circense

Sono l'equilibrista.
Ho nastri e corde al mio servizio.
Con cosa vuoi che ti tenga
col fiato sospeso?

Sono la trapezista.
La mia vita è l'istante sospeso, 
tra l'attrezzo che mi lascio alle spalle 
e quello che afferro, 
dopo il salto mortale, 
sorretta dal filo che unisce
il mio corpo e il tuo sguardo
sicuro che non sbaglierò la presa. 

Sono la contorsionista.
Arco e ponte sospeso
su queste sponde dell'oceano
che ci separa.
E cerco nuove prospettive, 
con l'erma incorniciata
tra due colonne.
Torino, 25 gennaio 2022

poesia dell’amor ricordo

Ti ho stretto tra le mie braccia.
Ho sentito il tuo calore.
Il tuo respiro nella curva
che il mio collo disegna
con la mandibola e l'orecchio.

Ho sentito le tue dita
scompigliarmi i capelli,
la tua lingua insinuarsi tra le mie labbra e
invitare la mia a una danza
tranquilla, lenta, estenuante.

Ho leccato di rapina
una goccia del tuo sudore,
mentre scivolava sul tuo petto,
e inspiravo il tuo odore,
imprimendolo nei miei ricordi.

Ti ho stretto le mani
tra le mie mani. Ho sentito
il loro calore.
E le ho strette di più
per non dimenticarne la forza
calma e sicura.
E le hai posate sui miei fianchi,
mentre mi guardavi e sorridevi.

E anch'io ti sorridevo e contavo
i fili iridescenti che la vita,
Aracne paziente,
aveva tessuto intorno ai tuoi occhi.

Ho ascoltato la tua voce
scendeva in me come miele di ruggine,
dalle profondità del tuo essere
arrivava a riempire
le profondità del mio vuoto.
Mi accarezzavi le orecchie
con parole di cui ricordo
solo la musica
e nessuno dei significati.

E ora che ho freddo
tutto quello che siamo stati,
tu e io,
non è che un sogno vago.
Torino, 24 gennaio 2022